GLI AUGURI DI LEGAMBIENTE GARBATELLA

TANTI AUGURI AL MONDO INTERO, AL PIU' BEL PIANETA DELL'UNIVERSO CHE SE NON FOSSE COSI' MALTRATTATO POSSIAMO AZZARDARCI A PENSARE CHE FORSE, CHISSA', CI POTREBBE DARE LA FELICITA'!!

2 dicembre 2013 una data memorabile

2 DICEMBRE 2013 IL COMUNE DA’ INIZIO AI LAVORI PER REALIZZARE IL PARCO GARBATELLA anche la Regione Lazio e il Municipio VIII danno il loro contributo. 9 NOVEMBRE 1997 i primi alberi, tentativi di speculazione sventati, cento iniziative pubbliche. UNA LUNGA BATTAGLIA IN CUI ASSOCIAZIONI E CITTADINI SONO STATI PROTAGONISTI E IL DIRITTO ALLA SALUTE ED ALLA CURA DELLA QUALITA’ DELLA VITA HA PREVALSO. PARCO, ORTI URBANI, ROSETO, GIARDINO ZEN: UN BELL’ESEMPIO DI LOTTA DAL BASSO

FESTA DELL'ALBERO AL PARCO GARBATELLA


Giovedì 21 la festa dedicata all'accoglienza verso i migranti
sarà il simbolo della rinascita dopo lo scempio di fine agosto
 “Piantare un albero è simbolo di radicamento e appartenenza al territorio. Cosa c'è allora di più simbolico dei ragazzi rifugiati che piantano insieme ai bambini delle scuole alberi per far rinascere il Parco Garbatella?”. La Festa dell'Albero, nata 19 anni fa da Legambiente per riqualificare le aree urbane degradate e dare ossigeno alla città, si arricchisce quest'anno di nuovi significati nell'area di via Rosa Raimondi Garibaldi.
Nel Parco devastato da vandali alla fine dello scorso agosto, infatti, saranno circa 300 i bambini (delle scuole Vivaldi, Cesare Battisti ed Alonzi), insieme ai ragazzi rifugiati dell'associazione Asinitas e a quelli di Hàgape 2000, che pianteranno nuovi alberi e faranno festa nell'area verde di Garbatella. Una pratica di accoglienza che raccoglie il tema dell''edizione 2013, dedicata ai diritti dei migranti, sradicati dalla loro terra per motivi di guerra e di fame.

sabato 9 novembre raccogliamo le olive alla Principe di Piemonte

Qualche classe della Scuola d'Infanzia Principe di Piemonte lavora in un Orto didattico nel Parco Garbatella Ringraziamo la Scuola di averci chiesto la partecipazionea questa bellissima esperienza.

Sabato 9 novembre Puliamo il mondo a Corviale



Sabato 9 novembre 2013 dalle ore 10.00
PULIAMO IL MONDO
all’Anfiteatro Corviale
 in Via Mazzacurati 61
     Non restare immobile! Diventa protagonista!

Vivere in un ambiente sano e pulito stimola la gioia,
l’allegria e la socialità

Ci occuperemo della Pulizia dell’Anfiteatro  delle aree circostanti.

Indagine sulle scuole dell'VIII Municipio. La presentazione





Molti problemi strutturali e di manutenzione, buone pratiche e tanto, tantissimo verde.

È un ritratto in chiaroscuro quello delineato dall'Indagine sulla situazione degli edifici scolastici e dei servizi nelle scuole del Municipio VIII (ex XI) condotta dal Circolo Garbatella di Legambiente nel primo semestre del 2013.

Qual è lo stato degli edifici scolastici e dei servizi nelle scuole del Municipio VIII?

 


Giovedì 7 novembre ore 16,30

Sala Teatro della Scuola secondaria di I grado exVivaldi
in Via A. Macinghi Strozzi, 51

Presentazione dei risultati dell’Indagine sulla situazione degli edifici scolastici e dei servizi nelle

sabato 12 e domenica 13 ottobre Dagli orti urbani alle terre pubbliche: per una rigenerazione comune del territorio

sabato 12  e domenica 13 ottobre
Dagli orti urbani alle terre pubbliche: per una rigenerazione comune del territorio
Sabato 12 ottobre parteciperemo all'incontro “Dagli orti urbani alle terre pubbliche: per una rigenerazione comune del territorio”, nell'ambito dell'iniziativa 'Ortopanoramica' organizzata al Parco Garbatella. Durante la giornata anche laboratori per grandi e piccini su orti in cassetta, apicultura e riciclo della carta e un pranzo biologico a cura della Cooperativa Agricola Co.r.ag.gio e una suggestiva lettura-spettacolo tratta dalle “Metamorfosi” di Ovidio.
Appuntamento ore 11 al Parco Garbatella, via Rosa Raimondi Garibaldi, Roma.
Per informazioni: 06 8535 8051/77

Progetto per le scuole “Ripristino degli alberi nel Municipio VIII di Roma”


Tutto nasce da un piccolo capolavoro, il film d'animazione diretto da Frédéric Back basato sul racconto di Jean Giono: L'uomo che piantava gli alberi (http://www.youtube.com/watch?v=YIFDlYqtXDA).
La Legge n.10 del 14.01.2013, recentemente pubblicata in Gazzetta Ufficiale, vara iniziative concrete quali la Giornata nazionale degli alberi, il Catasto del verde urbano e, finalmente, una specifica tutela per gli alberi monumentali e le vie alberate urbane.
Gli alberi sono i “polmoni verdi” della Terra e svolgono un ruolo fondamentale nella prevenzione del dissesto idrogeologico, nel mantenimento degli equilibri del pianeta e per la qualità della vita. Senza contare che il grande patrimonio arboreo e boschivo rappresenta una delle bellezze dell’Italia da riscoprire e tutelare con maggior impegno. In città  molto inquinate come le nostre, l'albero è ancora più importante: è un piccolo ecosistema che fornisce asilo a molti uccelli ed insetti utili, rappresenta forse l'ultimo baluardo naturale che tutti i giorni ci difende dallo smog.
Il progetto che abbiamo predisposto è volto a ottenere il ripristino di tutti gli alberi caduti o morti nel nostro Municipio (purtroppo sono tanti!), in collaborazione con le scuole di ogni ordine e grado, allo scopo di sensibilizzare anche le coscienze di coloro che saranno i cittadini di domani. Siamo infatti convinti che il coinvolgimento dei giovani studenti nella tutela degli alberi e della loro funzione vitale possa rappresentare un tassello importante per il miglioramento della qualità della vita di tutti.
Attraverso una modalità informatica “open-source” è possibile, in maniera relativamente semplice, realizzare una mappatura delle alberature mancanti nei luoghi pubblici del nostro Municipio, realizzando in tal modo anche un’attività di supporto all’insegnamento scolastico di botanica.
            Il progetto, che si potrà avvalere dei volontari della nostra associazione, per ogni aspetto della sua esecuzione, si articola nelle seguenti fasi:
1) scelta delle strade da censire e suddivisione delle stesse in 2 gruppi, preparazione e stampa delle 2 mappe   relative;
2) uscita della classe (divisa in 2 gruppi) con le mappe e le schede da compilare con i dati relativi agli alberi mancanti, foto dei punti in cui ripristinare gli alberi, individuazione delle specie degli alberi;
3) registrazione nel PC di dati e foto rilevati sul campo, in particolare nella Google-map “ALBERI-MANCANTI-Municipio-VIII (ex XI)” creata per il progetto allo scopo di pubblicare on-line i risultati;
4) preparazione, da parte di tutti i partecipanti, del documento finale da presentare al Comune di Roma per chiedere il ripristino delle alberature mancanti.
Google-map da utilizzare “ALBERI-MANCANTI-Municipio-VIII (ex XI)”:
http://goo.gl/maps/3NEHH
La collaborazione dei volontari di Legambiente è gratuita.
Per la realizzazione del progetto sono prevedibili un numero di uscite dalla scuola da una minimo di due al un massimo di cinque.


Fermiamoli!! Sempre nel Municipio VIII al Parco Caduti della strada, con la sega elettrica, sono stati tagliati grandi alberi e panchine nuove





La notte di martedì 10 settembre qualcuno ha segato sei grandi alberi e tre panchine nel  Parco dei Caduti del mare, uno dei parchi che si trova dal lato opposto della Via C. Colombo. 
La modalità sono le stesse con le quali è stato devastato il Parco Garbatella: 


Festa ai Fori 14-15 Settembre Via dei Fori Imperiali. Riconsegnare dignità ad uno dei più grandi complessi archeologici al mondo


Tutti alla FESTA AI FORI  il 14 e 15 settembre organizzata da Legambiente Lazio su una Via dei Fori Imperiali per l'occasione interamente pedonale da Piazza Venezia al Colosseo. Dalle 10 alle 23 di sabato e dalle 10 alle 20 di domenica due giornate di spettacoli, dibattiti e conferenze, laboratori e mostre sulle tematiche ambientali. Un'eco-festa che ridurrà al minimo l'impatto sull'ambiente e compenserà le emissioni di CO2 prodotte con un progetto di forestazione.
Per il programma clicca su http://www.legambientelazio.it/
Per la parte organizzata dal Circolo vedi in fondo
7-9-2013
GIORNATA DI SOLIDARIETA' AL PARCO GARBATELLA 
Un grande evento cittadino di rinascita del Parco. Il Sindaco Marino partecipa e dona un ulivo.
 

Se pensiamo agli alberi dobbiamo ammettere che non ci si presta molta attenzione; sappiamo tutti che sono essenziali, ma restano lontani dalle vicende della nostra esistenza quotidiana.

PARCO GARBATELLA: DOMANI GIORNATA DELLA SOLIDARIETÀ


  Alla festa parteciperà anche il sindaco Marino che donerà un albero
Si terrà domani, sabato 7 settembre, dalle ore 10.00, la “Giornata della Solidarietà” al Parco Garbatella, in via Rosa Raimondi Garibaldi, dopo lo scempio di 84 alberi avvenuto nei giorni scorsi.

Scempio al Parco Garbatella Le dichiarazioni delle Autorità



Il sindaco Ignazio Marino è intervenuto sulla vicenda con un post su Facebook:"Non posso che condannare con fermezza l'atto vandalico ai danni del Parco della Garbatella: uno schiaffo al lavoro costante

Noi abbiamo bisogno di bellezza


Sabato 24-26 agosto 2013 Parco Garbatella
Oltre 80 alberi mozzati di netto, due panchine distrutte, tubi di gomma trinciati.

Sabato 7 settembre dalle ore 10.00 GIORNATA DI SOLIDARIETÀ al Parco Garbatella


L'attacco è stato spietato e il Parco ha subito molti danni.

UN ALTRO ATTACCO AL PARCO GARBATELLA


Un albero sradicato e appeso a testa in giù, i cartelli nei cestini
Sabato 7 settembre manifestazione in via Rosa Raimondi Garibaldi
“Ringraziamo di cuore tutti coloro che ci hanno dimostrato solidarietà: dalle istituzioni, che hanno assicurato interventi immediati, alle associazioni, agli altri orti, ai soci, a tutti i cittadini che ci stanno venendo a trovare e offrire aiuto concreto. Purtroppo stanotte hanno compiuto l'ennesimo sfregio, mettendo in chiaro che chi ci sta colpendo ce l'ha proprio con il Parco Garbatella”.

SCEMPIO DI 60 ALBERI AL PARCO GARBATELLA


Non ci faremo intimidire, il quartiere difenderà il suo Parco

INCENDIO LICEO SOCRATE



LEGAMBIENTE GARBATELLA, SOLIDARIETÀ AI RAGAZZI

Blitz di Legambiente davanti Assoelettrica

ROMA 27.06.2013

Un blitz per ricordare al presidente di Assoelettrica, Chicco Testa, che la strada delle fonti fossili è in realtà un vicolo cieco. 

Parco Garbatella e Gezi Park 15 giugno 2013

"Dal Parco Garbatella a Gezi Park difendiamo il nostro verde e la nostra vita"
Abbiamo voluto dedicare un angolo del Parco Garbatella a Roma, strappato dai cittadini romani alla

Sabato 15 Festa della Cultura al Parco Garbatella

Legambiente Garbatella aderisce alla XX Festa della Cultura di Garbatella organizzata dall'Associazione Controchiave:

- sarà presente con un banchetto in via Magnaghi
- a Parco Garbatella Caccia al Tesoro organizzata da Asinitas
- alle ore 19, per testimoniare la nostra solidarietà alle rivendicazioni di democrazia e di qualità della vita del popolo turco creeremo un piccolo grande Gezi Park nel Parco Garbatella
 

Dagli orti urbani a Gezi Park difendiamo i beni comuni

Sabato 15 giugno alle ore 19, per testimoniare la nostra solidarietà alle rivendicazioni di democrazia e di qualità della vita del popolo turco creeremo un piccolo grande Gezi Park nel Parco Garbatella.

Siete tutti invitati a partecipare!

Il roseto a maggio 2013

Ci hanno regalato altre rose ed ecco la loro bellezza merita un post solo per mostrarle

 ORTI IN FESTA - IL VERDE VA IN CITTA’


Grande partecipazione, domenica mattina, all’iniziativa “Orti in Festa - il verde va in città”, declinata dal nostro circolo in versione “Due Ruote” col fine di far conoscere quattro diverse realtà orticole dell’XI° Municipio.

"ORTI IN FESTA - IL VERDE VA IN CITTA"

  DOMENICA 21 APRILE

Legambiente, attraverso la campagna "Orti in festa - Il Verde va in città" si propone di promuovere una maggiore attenzione alla cura degli spazi verdi urbani, pubblici e condivisi, al sostegno di progetti dedicati allo sviluppo di una cultura del verde e dell’orticoltura di prossimità, e di promuovere azioni concrete di recupero di aree abbandonate e di difesa del suolo da mire speculative, per migliorare il benessere e la vivibilità nelle città.


Il nostro Circolo è fra i maggiori promotori della creazione di Orti Urbani: nel nostro territorio questa pratica si sta infatti diffondendo con forza.


Si è così deciso di aderire alla campagna, con l'intento di suscitare curiosità ed interesse verso le nuove buone pratiche di vita, organizzando per domenica 21 aprile una visita in bicicletta ai quattro maggiori orti di questo Municipio, con partenza alle ore 9 dagli Orti Urbani Garbatella, con soste agli Orti delle Tre Fontane, a quelli di Eutorto, e che si concluderà alle ore 12,30 all’Hortus Urbis accolti all’interno dell’”Ecogreen Festival”.







La mappa del percorso





Visualizzazione ingrandita della mappa
PROGETTO "RIPRISTINO ALBERI MANCANTI NELLE STRADE DEL MUNICIPIO XI°
Gli alberi sono i “polmoni verdi” della Terra e svolgono un ruolo fondamentale nella prevenzione del dissesto idrogeologico, nel mantenimento degli equilibri del pianeta e per la qualità della vita. Senza contare che il grande patrimonio arboreo e boschivo rappresenta una delle bellezze dell’Italia da riscoprire e tutelare con maggior impegno.
La Legge n.10 del 14.01.2013, recentemente pubblicata in Gazzetta Ufficiale, vara iniziative concrete quali la Giornata nazionale degli alberi, il Catasto del verde urbano e, finalmente, una specifica tutela per gli alberi monumentali e le vie alberate urbane.
In città molto inquinate come le nostre, l'albero è ancora più importante: è un piccolo ecosistema che fornisce asilo a molti uccelli ed insetti utili e rappresenta forse l'ultimo baluardo naturale che tutti i giorni ci difende dallo smog.
Il progetto che abbiamo predisposto è volto a ottenere il ripristino di tutti gli alberi caduti o morti nel nostro Municipio, in collaborazione con le scuole di ogni ordine e grado allo scopo di sensibilizzare le coscienze di coloro che saranno i cittadini di domani.
Siamo infatti convinti che il coinvolgimento dei bambini nella tutela degli alberi e della loro funzione vitale possa rappresentare un tassello importante per il miglioramento della qualità della vita di tutti.
Attraverso una modalità informatica “open-source” chiediamo ai partecipanti di realizzare una mappatura delle alberature mancanti nei luoghi pubblici, realizzando in tal modo anche un’attività di supporto all’insegnamento scolastico di botanica.
Il progetto che, se richiesto, si avvalerà dei volontari della nostra associazione, prevede una indagine effettuata dagli studenti sul territorio circostante la scuola, i cui dati e foto rilevati sul campo saranno registrati nel PC (“cloud”), in particolare nella Google- map “ALBERI-MANCANTI-Municipio-XI” creata per il progetto allo scopo di pubblicare on- line i risultati
Il lavoro si concluderà con un documento finale elaborato dai partecipanti e pubblicizzato nelle forme opportune da presentare al Comune di Roma per chiedere il ripristino delle alberature mancanti.

Abbiamo preso contatto con gli Istituti Comprensivi del Municipio VIII (exXI) ottenendo apprezzamenti e risposte positive.

La primavera è iniziata in festa

 

22, 23, 24 marzo. Festa di primavera.


Sono stati tre giorni di grande impegno per tanti di noi. 

FESTA DI PRIMAVERA!







In caso di pioggia la festa è rimandata al 6 e 7 aprile

Affissione abusiva?

Quattrocentotredici euro di multa per affissione abusiva: un foglio fotocopiato, attaccato con due pezzettini di scotch a un palo, che invitava i cittadini del quartiere a partecipare alla festa per l'affidamento ufficiale da parte del Comune di Roma  dell'area da 20 anni curata dai volontari.

Facciamo  notare che:

- Parliamo della via in cui vi è la sede della Regione Lazio, e lasciamo solo immaginare cosa gli abitanti abbiano subito in termini di affissioni abusive, soprattutto in questo periodo elettorale;

- Il Parco di via Rosa Raimondi Garibaldi, che l'impegno del quartiere ha strappato alla speculazione edilizia dopo 20 anni di lotte, è stato affidato al Circolo Garbatella di Legambiente (associazione Onlus) che ne effettuerà la manutenzione, senza alcun contributo da parte del Comune;

- Che la festa rispondeva esattamente a quel bisogno di socialità da cui è nato l'affidamento: è come se il Comune multasse quel sistema di sussidiarietà che aveva appena premiato con l'affidamento.

Scopriamo quindi che l'ordinanza cui si riferisce il verbale (assente dai siti istituzionali) fa riferimento alle pubblicità, cioè alle attività di promozione di vendita di beni e servizi (ma l'attività di volontariato no profit è pubblicità?), molto spesso abusive (avete presenti i volantini sulle auto, che nel 99% dei casi finiscono a terra, o tutti gli autoadesivi che infestano muri e cassonetti?). E’ esentata solo la pubblicità “politica ed elettorale”

Pagheremo il dovuto, se il nostro ricorso non sarà accolto. Chiediamo però ufficialmente al Comune quanto introiti dai verbali per affissione abusiva: una multa che rappresenta un decimo del budget annuale di un'associazione di volontariato ci fa sperare che questo sia il primo, interessante passo per rimpinguare il bilancio degli enti locali.

Ringraziamo  Livio Quagliata per la pubblicazione della nostra lettera sulla rubrica "Sgarbatella" di Repubblica.

http://roma.repubblica.it/rubriche/sgarbatella/2013/03/16/news/quanto_sporca_legambiente-54667014/



Il volantino incriminato


ECOSISTEMA SCUOLA

Un grande piano nazionale per l’edilizia scolastica che innovi e metta in sicurezza le nostre scuole, come Legambiente ha più volte sollecitato, sembra ancora una prospettiva lontana se si valutano i dati emersi dal XIII Rapporto "Ecosistema Scuola" redatto da Legambiente.
Il nostro è infatti un patrimonio edilizio vetusto che per quasi il 60% è stato costruito prima dell’entrata in vigore della normativa antisismica, che per il 33,70% si trova in aree a rischio sismico e per il 10,67% in aree ad alto rischio idrogeologico, senza contare poi le situazioni di vicinanza ad elettrodotti, antenne per cellulari ed emittenti radio-televisive. A rischio anche le scuole che si trovano entro il km da una fonte di tipo acustico e da aeroporti.
La prima emergenza rimane ancora quella della messa a norma: quasi metà degli edifici non possiede le certificazioni di agibilità, sono ancora tantissime, più del 65%, le scuole che non possiedono il certificato di prevenzione incendi.
Se pensiamo poi alla sicurezza che attiene la prevenzione del rischio ambientale, rimane del tutto marginale la pratica di monitoraggio: fra tutte le numerose situazioni a rischio d’inquinamento elettromagnetico, vengono, infatti, monitorate solo il 12% di scuole vicino ad elettrodotti e il 14% di quelle vicino ad antenne cellulari.
Positiva l'azione di monitoraggio della presenza di amianto negli edifici scolastici da parte dei Comuni, che dichiarano sia stato fatto in oltre il 92% delle scuole, resta però il fatto che ancora solo un terzo fra i casi certificati conosce azioni effettiva di bonifica.

Lievi segnali positivi provengono dalle buone pratiche sostenibili: dalle mense scolastiche che servono pasti biologici (quasi 6%), all’aumento della raccolta differenziata, che per ogni frazione cresce di circa dieci punti percentuali con un significativo passo in avanti nella raccolta delle pile, dall’uso di fonti di energia rinnovabile, presenti in quasi il 13% di edifici, alla sostenibilità del servizio mensa che vede crescere l’utilizzo di stoviglie in Mater-Bi o riutilizzabili, a scapito di quelle in plastica o carta.
In controtendenza il dato sull’utilizzo dell’acqua di rubinetto nelle mense che scende di circa otto punti, con una percentuale al Sud del 25,39% a fronte di una media nazionale di quasi il 63%.

Lazio

Un rapporto incompleto dato che nel Lazio Frosinone (25º), Latina (44º), Viterbo (72º) sono i soli Comuni capoluogo inseriti. Rieti non risponde e Roma non figura nella graduatoria di Ecosistema Scuola in quanto invia dati incompleti (meno del 50%).
Gli edifici scolastici sono mediamente giovani, visto che la maggior percentuale (48,36%) viene edificata nel periodo 1975-1990, tuttavia sono solo l’1,14% quelli costruiti tra il 1991 e il 2011.
Ben il 99,54% degli edifici sono posti in strutture nate per ospitare scuola, nessuno è costruito secondo i criteri della bioedilizia, né con criteri antisismici, su nessun edificio è stata effettuata la verifica di vulnerabilità sismica.
Edifici che necessitano per il 28% di interventi di manutenzione urgente, contro il 35,79% del dato nazionale, su cui mediamente, rispetto alla media nazionale, si investe di meno per la manutenzione, sia straordinaria che ordinaria.
Buoni i dati sulle certificazioni degli edifici scolastici: il 100% possiede quello di collaudo statico, l’80,80% quello di agibilità, il 100% l’igienico‐sanitario, il 60,80% di prevenzione incendi, il 96% impianti elettrici a norma.
Se sul fronte delle certificazioni riscontriamo tutti segnali positivi, rispetto ai servizi messi a disposizione delle scuole e buone pratiche vi sono luci e ombre.
Assolutamente trascurabile il dato sul servizio di scuolabus a disposizione solo del 3,88% degli edifici, così come quello di pedibus che coinvolge solo l’1,60% delle scuole.
Poca attenzione e sensibilità rispetto alla sicurezza delle aree antistanti le scuole. Solo il 40,80 degli edifici sono provvisti di attraversamenti pedonali, il 12% vede la presenza di nonni vigili, in nessun edificio sono presenti semafori pedonali, piste ciclabili, transenne parapedonali.
Buoni i dati sulle mense scolastiche: del 63,50% la media dei prodotti biologici nei pasti, 73,31% le mense che utilizzano piatti in ceramica o riutilizzabili, 17,19% quelli in mater-bi.
Raccolta differenziata con qualche luce e tantissime ombre. A fronte di plastica e carta rispettivamente raccolte nel 60,00% e 84,80% degli edifici scolastici, abbiamo vetro (3,20%), alluminio (4%), organico (3,20%), pile (4%), toner e cartucce (7,20%).
Se tutti gli edifici utilizzano fonti d’illuminazione a basso consumo, l’11,88% fonti rinnovabili.
Carenti il monitoraggio dell’amianto, realizzato nel 66,67% di edifici, ma soprattutto del radon, non effettuato.
Destano qualche dubbio i dati sull’esposizione degli edifici scolastici a fonti d’inquinamento ambientale che i Comuni dichiarano essere pari allo 0%, soprattutto nel momento in cui non vengono effettuati monitoraggi.
          (articolo estrapolato dal XIII Rapporto Ecosistema Scuola di Legambiente)

Il nostro Circolo, considerato che il Rapporto non ha potuto tener conto della situazione romana per insufficienza dei dati forniti, ha,tuttavia pensato che la raccolta dei dati delle strutture scolastiche e dei servizi nel Municipio XI possa essere uno strumento utile per sostenere in vari livelli di politici e ammministrativi l'ammodernamento e la sicurezza degli edifici scolastici per un sano svolgimento delle attività scolastiche.
Così il gruppo scuola del Circolo ha elaborato un questionario semplificato ed ha programmato l'organizzazione di incontri con i vari Dirigenti scolastici degli istituti comprensivi dell'XI Municipio per proporre loro non solo la compilazione del questionario, ma anche l'offerta delle numerose proposte di Legambiente Scuola e Formazione, ed in particolare le pratiche ambientali che ormai da anni il nostro Circolo ha sperimentato nelle scuole, nel Parco Garbatella e nei suoi orti didattici.  Per ora hanno aderito:
1) L'Istituto comprensivo "Piazza Damiano Sauli" che comprende 2 scuole Primarie
e una Media inferiore in n° 3 plessi (C. Battisti, Alonzi e Vivaldi).
2) L'Istituto Comprensivo "Montezemolo"  che comprende 3 scuole Primarie e 2 Medie, dislocate in 4 plessi (nella zona Serafico-Tintoretto-Vigna Murata)
3) L'Istituto Comprensivo P. Semeria ( Moscati"Principe di Piemonte" e "Leonardo da Vinci").
4) L'Istituto Comprensivo C.A. Dalla Chiesa (
Ci auguriamo che al più presto anche l.C. Poggiali




 


Manifestazione per la Pedonalizzazione dei Fori Imperiali


MANIFESTAZIONE PER LA
PEDONALIZZAZIONE DEI FORI IMPERIALI


Da sempre attenti alle tematiche culturali e alla tutela dei beni artistici, grazie anche alla passione del nostro Responsabile Culturale, che da sempre organizza visite guidate gratuite alla scoperta dei monumenti più o meno conosciuti di Roma e dintorni, immancabile è stata la nostra partecipazione alla manifestazione per la pedonalizzazione ddei Fori Imperiali e dell’Anfiteatro Flavio organizzata da Legambiente Lazio.

Oltre che per richiedere la tutela di alcuni dei monumenti più belli al mondo, abbiamo voluto esser presenti per far nostre le voci di tutti quei 6400 cittadini che hanno firmato la delibera di iniziativa popolare, promossa da Legambiente, per fermare lo sgretolamento del Colosseo a causa dell'attacco delle polveri sottili e delle vibrazioni prodotte da migliaia di macchine, autobus, pullman e persino camion, che ogni giorno gli girano attorno come fosse un semplice spartitraffico!

Numerose sono state, nel tempo, le iniziative in tal senso e quale è stata la risposta del Comune? Nessuna!
Non solo ignora la richiesta di tutela da parte dei cittadini che dovrebbe rappresentare, ma ignora anche i numerosi allarmi della Sovrintendenza che si susseguono dal 2010, anno della caduta dei primi 3 frammenti di intonaco, al 2011, anno dei cedimenti interessanti l’arcata interna.

Da uno studio da loro condotto si segnala che nelle ore di punta su via dei Fori Imperiali circolano ben 3.400 veicoli all'ora, con la conseguente produzione di un quantitativo inaccetabile di vibrazioni e di smog che negli anni hanno determinato ben 3000 lesioni a tutt'oggi costantemente monitorate.
Se non si vuole perdere uno dei più famosi simboli della Città Eterna occorre prendere provvedimenti e
farlo al più presto.

Il Colosseo e tutta l'ara archologica circostante meritano cure e rispetto e non il disinteresse delle istituzioni!